Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

A Sanza prende vita il progetto di sensibilizzazione sociale: “Ventivolti”

di Antonella D'Alto.

Sanza (SA) – Prende il via domattina, sabato 2 marzo alle 10.00, presso l’auditorium delle Scuole Medie in piazza San Francesco, il progetto di sensibilizzazione sociale: “Ventivolti”. Un’iniziativa promossa dall’assessorato alle politiche sociali del Comune di Sanza con la collaborazione della BCC di Buonabitacolo e l’adesione dell’istituto Comprensivo di Buonabitacolo-Sanza. “Ventivolti” è un percorso articolato di conoscenza e dialogo sulla condizione di povertà e sfruttamento che subiscono i bambini nelle aree martoriare del mondo. Il progetto vedrà il coinvolgimento di ben 54 studenti delle scuole Medie di Sanza che saranno impegnati in una serie di incontri formativi finalizzati alla realizzazione di venti storie, immaginate e raccontate dagli alunni delle classi Seconda e Terza Media di Sanza, che scriveranno sugli stimoli che riceveranno dagli incontri in aula con il giornalista embedded Lorenzo Peluso, di recente rientrato dall’Afghanistan. Agli alunni saranno forniti venti scatti fotografici che ritraggono volti di bambini in realtà complesse quali l’orfanotrofio di Herat, in Afghanistan, il centro per disabili di Tiro in Libano, i campi profughi siriani, i villaggi sperduti del Kosovo. I ricordi ed i racconti del giornalista Peluso arricchiranno la fantasia degli alunni di Sanza che poi si cimenteranno nella stesura di un testo che comprenderà una singola storia per ogni foto. A fine percorso sarà realizzata una pubblicazione sostenuta dalla BCC di Buonabitacolo che poi sarà distribuita in un convegno a fine anno scolastico. “Una gran bella iniziativa che nasce a Sanza ma che, lo abbiamo già chiesto al giornalista Peluso, vorremmo estendere anche agli alunni del plesso di Buonabitacolo – ha commentato la dirigente scolastica Antonietta Cantillo – una bella idea questa dell’assessore Marianna Citera che ringrazio per la passione e l’attenzione che nutre verso la scuola. Un ringraziamento anche alla BCC di Buonabitacolo che dimostra nei fatti quanto è vicina al territorio e come sa cogliere le importanti occasioni di crescita cultuale che vengono proposte soprattutto ai nostri giovani alunni. L’esperienza e la disponibilità del giornalista Peluso sono per noi una grande occasione di confronto e crescita per i nostri ragazzi che potranno così conoscere ed interrogarsi sulla condizione dei loro coetanei, meno fortunati. Sono certa che questo lavoro lascerà un segno indelebile nelle coscienze dei nostri ragazzi, e credo anche in noi adulti.” ha concluso la dirigente Cantillo.