Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

A Sanza nascono i “Custodi dei valori fondanti del nostro Paese”.

di Francesco Paolo

Sanza (SA) – Una giornata intensa di emozioni vissuta dagli alunni della Scuola elementare e Media che hanno avuto l’opportunità di conoscere ed approfondire la bellezza della Carta Costituzionale nell’ambito della manifestazione nazionale della festa dei Piccoli Comuni. Un 2 giugno dal suggestivo titolo Voler bene all’Italia, per ribadire nella Festa della Repubblica come questi comuni e comunità siano la spina dorsale dell’Italia e un suo elemento imprescindibile per la tenuta del Paese.  L’evento anticipato a sabato 1 giugno per consentire di poter incontrare le scuole si è concluso con la donazione da parte della BCC di Buonabitacolo della Carta Costituzionale, avendone curato la ristampa. Una giornata di festa ma anche una giornata di riflessione sui valori ed i diritti degli esseri umani. Molto coinvolgenti infatti gli interventi dell’avvocato Franco Di Paola membro di Giunta dell’Associazione Luca Coscioni, che ha dialogato con gli studenti sui temi del diritto al “Fine vita e testamento biologico” con riflessioni sul caso di Dj Fabo. Un’iniziativa sociale promossa, dall’amministrazione comunale, che ha messo insieme l’Istituto Comprensivo di Buonabitacolo-Sanza e la BCC di Buonabitacolo. Il Sindaco di Sanza Vittorio Esposito al termine della cerimonia ha proceduto all’investitura dei nuovi “Custodi dei valori fondanti del nostro Paese”. Il convegno ha visto gli interventi oltre del sindaco di Sanza, Vittorio Esposito, anche dell’assessore alle politiche sociali, Marianna Citera; della dirigente scolastica, Antonietta Cantillo; del direttore della BCC di Buonabitacolo, Angelo De Luca. Gli approfondimenti sul valore della Costituzione sono stati curato nelle relazioni dell’avvocato Pasquale Gentile, presidente della BCC di Buonabitacolo e dell’avvocato Franco Di Paola dell’Associazione Luca Coscioni. Il dibattito è stato moderato dal giornalista Lorenzo Peluso. Voler bene all’Italia è nata infatti nel 2004 per valorizzare l’Italia dei piccoli comuni, ovvero il 72% delle municipalità italiane, per promuovere innanzitutto il buon governo dei territori e la capacità di innovare e competere, la meraviglia dei paesaggi e del buon vivere delle comunità che fanno di questi centri luoghi dove investire il proprio futuro, nonostante la fatica del disagio insediativo in atto e un rapido declino demografico.  L’iniziativa è promossa da Legambiente in collaborazione con UNPLI, UNCEM, ANCI, SYMBOLA, conta quest’anno sul sostegno di Poste Italiane e Openfiber per raccontare attraverso i protagonisti locali la forza delle comunità, facendo comprendere a pieno il valore di questi luoghi. Dietro la festa diffusa si vuole fare massa critica per chiedere con forza politiche che permettano a questi centri di essere territori di innovazione all’insegna di un rinascimento rurale e borghigiano. Una giornata di grande valore simbolico terminata con la consegna della Costituzione, nella versione storica ed originale, firmata dal Capo Provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola, a palazzo Giustiniani il 27 dicembre 1947.