Giornale di approfondimento economico della BCC di Buonabitacolo

A Napoli il convegno “Caserme Verdi – per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno”

redazione

Venerdì 15 novembre alle ore 15:00 a Palazzo Salerno, sede del Comando Forze Operative Sud, si terrà il convegno ”Caserme Verdi – per un Esercito all’avanguardia in un Paese moderno”, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, del Prefetto di Napoli, Carmela Pagano, del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, del Comandante delle Forze Operative Sud Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano e di numerose altre autorità e qualificati esponenti del mondo universitario, industriale, della ricerca e dei media. Il convegno sarà aperto dal Generale Farina e proseguirà con gli interventi del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, del Generale Divisione Vasco Angelotti, Capo Dipartimento Infrastrutture dello Stato Maggiore Esercito che illustrerà i lineamenti progettuali dello ”Studio Grandi Infrastrutture – Caserme Verdi”, del professore Gaetano Manfredi, Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”, di Renata Picone, direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e del Brigadier Generale Giancarlo Gambardella, direttore della Task Force dismissioni immobili del Ministero della Difesa. Sarà presentato, inoltre, a cura dello Studio Valle Architetti Associati / Fondazione Nunziatella Onlus lo “Sviluppo infrastrutturale della Scuola Militare Nunziatella, un’occasione per la riqualificazione dell’area di Pizzofalcone’’. Durante la presentazione si discuterà dell’importanza dell’ ammodernamento del parco infrastrutturale attraverso la realizzazione di basi militari di nuova generazione, che risultino efficienti, funzionali, ispirate a criteri costruttivi innovativi con basso impatto ambientale e ridotti costi di manutenzione, necessari sia per la sicurezza e il benessere dei soldati sia per aumentare l’integrazione sociale attraverso l’apertura di strutture ricreative anche alla popolazione civile residente nelle zone contermini. La realizzazione del progetto garantirà l’apertura alla popolazione, migliori standard di efficienza energetica e riduzione del footprint ambientale. Nel meridione il progetto coinvolgerà la caserma “Salomone” a Capua (Ce), “Libroia” di Nocera Inferiore (Sa), “Briscese” a Bari, “Floriani” a Torre Veneri (Le), “Sernia-Pedone” a Foggia, il comprensorio “Ronga-Gucci-Capone” di Persano (Sa), la “Crisafulli Zuccarello” di Messina, la “Mereu-Riva di Villasanta-Monfenera” di Cagliari, il poligono e la caserma “Pisano” di Capo Teulada (Ca).