News Economiche


home page > Opportunità e Impresa

Opportunità e Impresa


Professioni - Societa' tra professionisti: il parere del Consiglio di Stato.


Con il parere n. 03127 del 5 luglio 2012 il Consiglio di Stato valuta nel complesso in modo positivo lo schema di regolamento sulle Società tra professionisti (STP) predisposto dal ministero della Giustizia, ma solleva alcune osservazioni.

Secondo il CdS è innanzitutto opportuno riformulare l’ordine degli obblighi di informazione a carico della società, anteponendo l’indicazione concernente il diritto del cliente di chiedere che l’esecuzione dell’incarico conferito alla società sia affidata ad uno o più professionisti da lui scelti. Sempre per tutelare in modo più completo il cliente, è opportuno che la società professionale consegni al cliente l’elenco scritto non solo dei soci professionisti, ma anche dei soci con finalità di investimento. Il Consiglio di Stato ritiene inoltre che potrebbe essere utile prevedere che anche l’atto con cui la società designa il singolo professionista sia comunicato per iscritto al cliente, nei casi in cui questi non abbia scelto il professionista. Per quanto riguarda i requisiti di moralità e onorabilità per i soci di capitale, secondo il CdS essi devono essere chiariti in maniera più puntuale, “poiché l'ampio e indeterminato riferimento a tutte le ipotesi di condanna (penale) è idoneo a comprendere ogni fattispecie di illecito definitivamente accertato, compresi gli episodi isolati di gravità minore o risalenti nel tempo, o non collegati con l'oggetto della società”. Inoltre, Palazzo Spada apre alla possibilità di prevedere requisiti di moralità e onorabilità “particolarmente selettivi”, e ritiene opportuno menzionare, tra i requisiti di onorabilità, anche quelli relativi alla mancata sottoposizione a misure di prevenzione. Sul divieto di partecipazione a diverse Stp, il regolamento prevede che l’iscrizione nel registro delle imprese ha la funzione di certificazione anagrafica e di pubblicità notizia, ai fini della verifica dell’incompatibilità di cui all’articolo 6. In proposito, secondo il CdS occorre chiarire ulteriormente che la situazione di incompatibilità potrebbe emergere non solo dai dati contenuti nel registro delle imprese, ma anche dall’esame delle risultanze delle iscrizioni all’albo della società professionale. In ogni caso, per il Consiglio di Stato è opportuno delineare le modalità procedimentali e temporali attraverso le quali l’eventuale accertata situazione di incompatibilità debba essere rimossa e quali altre conseguenze si determinino, eventualmente, sul piano disciplinare, in capo alle società e al singolo professionista. Sarebbe poi anche utile chiarire, in modo più esplicito, il regime della responsabilità delle società “multidisciplinari”, che svolgono più di un’attività professionale e devono essere sottoposte al codice disciplinare dell’albo in cui sono iscritte, corrispondente alla loro attività “principale”. Ma secondo il Consiglio di Stato sarebbe utile ipotizzare anche l’applicazione delle particolari regole deontologiche correlate ai settori delle specifiche attività. Sul rapporto tra la condotta del socio professionista e la responsabilità disciplinare della società è “opportuno chiarire se si intende affermare la regola secondo cui la società risponde soltanto nei casi in cui abbia adottato precisi atti di indirizzo, eseguiti dal singolo professionista, mentre, al contrario, andrebbe sempre esclusa la responsabilità disciplinare della società, in tutti i casi di violazioni commesse materialmente dai singoli soci e sia configurabile una mera omissione di controllo o di vigilanza”.


Note: O.O.-redazione.

Pubblicato il 13-07-2012, letto 237 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Opportunità e Impresa ]


Altri contenuti della sezione Opportunità e Impresa

TitoloData
• Giovani & lavoro - Bando per 160 traduttori per Lussemburgo e Bruxelles31-08-2015
• Vendemmia 'doc', ed e' record di export (+6%) per il vino italiano. 31-08-2015
• Segnali positivi per le imprese. Tra aprile e giugno nate 300 attività al giorno di under 35. 4 su 10 al sud.24-08-2015
• Fisco - Secondo Coldiretti il taglio Irap agricola può rappresentare un sostegno concreto alle imprese 22-08-2015
• Made in Italy - Per lo spumante italiano record per l'export 21-08-2015
• Gli italiani amano la birra ed invadono il mondo con la bionda.21-08-2015
• Industria del salotto in Basilicata. In calo la manodopera e imprenditoria cinese 18-08-2015
• Edilizia - Nel salernitano l'effetto sgravi fiscali fa crescere il lavoro dipendente.25-07-2015
• Crisi - Nel 2014 le quotazioni delle case nel comune di Salerno sono diminuite del 5,4%, 11-07-2015
• Dalla Commissione Europea 13,1 miliardi per progetti nel settore trasporti06-07-2015

Notizie