News Economiche


home page > News

News


Cronaca - Tre denunce ed un sequestro operato dalla Guardia Forestale a Sanza (SA).


Gli agenti della forestale di Sanza unitamente a quelli di Teggiano, durante un controllo hanno scoperto in località 'Acquasparta', in zona C2 del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano, nonché in area S.I.C. un taglio boschivo di circa 30.000 mq eseguito in assenza delle previste autorizzazioni. Nella stessa area è stato realizato anche un tracciato stradale eseguito con mezzi meccanici e senza autorizzazione.

Nel corso di attivita di monitoraggio sono stati individuati gli autori di un taglio abusivo di bosco costituito in prevalenza da piante di cerro, di una pista di esbosco realizzata in assenza di alcun titolo abilitativo e l’abbandono di rifiuti vari nel comune di Sanza. Gli agenti della forestale di Sanza unitamente a quelli di Teggiano, durante un controllo hanno scoperto in località 'Acquasparta', zona C2 del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano sottoposta a vincolo idrogeologico, paesaggistico e ambientale, nonché in area S.I.C.(Sito di interesse Comunitario), un taglio boschivo su una superficie di circa 30.000 mq eseguito in assenza dei previsti titoli autorizzativi e la realizzazione di un tracciato stradale di circa m.500 per una larghezza di 3 metri circa, eseguita con mezzo meccanico ed in mancanza di titolo abilitativi. Nel corso degli accertamenti, si è constatato che il taglio del bosco, veniva eseguito senza aver precedentemente acquisito i previsti titoli autorizzativi da parte dell’Ente Parco e della Regione Campania settore Tutela Ambiente, e, che, la pista di esbosco, oltre ad essere stata realizzata in mancanza di qualsiasi titolo abilitativo, aveva causato gravi danni alle numerose ceppaie a causa del continuo transito dei mezzi meccanici, compromettendo in tal modo la futura vitalità del complesso boschivo. Accertato l’abuso, i forestali hanno provveduto al sequestro preventivo e probatorio dell’intero complesso boschivo di circa 30.000 mq, 1000 quintali circa di materiale legnoso e la pista di esbosco di circa 500 m., larga circa m. 3, denunciando l'esecutore materiale-acquirente del lotto boschivo, il comproprietario-delegato del lotto boschivo e il proprietario dei terreni interessati dai lavori di realizzazione della strada.


Note: com.-redazione.

Pubblicato il 10-07-2012, letto 395 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• Cronaca - Incidente frontale tra auto e tir, tre morti in Calabria27-08-2016
• Esteri - Libano: il contingente italiano promuove il dialogo interconfessionale 27-08-2016
• L'orgoglio italiano. Alle Olimpiadi Rio 2016, Esercito protagonista con 8 medaglie27-08-2016
• Sprechi, nelle case luci accese inutilmente mezz'ora al giorno27-08-2016
• Turismo - 1 italiano su 2 non conosce le meraviglie dell’italia27-08-2016
• Estate - Il 45% degli italiani al rientro con cibo come souvenir27-08-2016
• Scuola - MIUR: 80 milioni per sport, integrazione disabili e legalita’27-08-2016
• Giustizia - Da settembre 359 nuove unita’ di personale negli uffici27-08-2016
• Terremoto - Per gli ingegneri la messa in sicurezza delle case costa 93 miliardi 26-08-2016
• Sisma: in Italia ospedali vecchi, oltre 500 a rischio26-08-2016

Notizie