News Economiche


home page > News

News


Cronaca - La Guardia di Finanza scopre filiera delle scarpe false in Campania, 13 denunciati.


Un gruppo di imprese specializzate nelle varie fasi produttive di calzature contraffatte - tutte riconducibili alla stessa organizzazione - e' stato scoperto tra le province di Napoli e Caserta dai finanzieri del Comando Provinciale di Roma, al termine di indagini durate diversi mesi.

Dopo aver intercettato, per strada, i corrieri che trasportavano le scarpe con il marchio ''Hogan'' dalla Campania al Lazio, le Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino hanno ripercorso la filiera distributiva individuando tutti i componenti del gruppo, aventi ognuno compiti specifici nei segmenti tipici del processo produttivo: dalla produzione di suole, plantari e tomaie alla stamperia dei marchi contraffatti, dalle trancerie per il taglio delle pelli al laboratorio ove venivano assemblati i prodotti intermedi. L'organizzazione disponeva, infine, di un deposito di stoccaggio ove venivano concentrati i prodotti finiti, per la successiva distribuzione in tutta Italia. Ingegnose e quasi maniacali le cautele adottate per evitare i controlli delle forze di polizia: tutti i siti erano dotati di moderni apparati di videosorveglianza al fine di interrompere la produzione in caso di controllo, mentre gli impianti e i macchinari piu' costosi potevano essere occultati grazie a stratagemmi propri dei ''boss'' della criminalita' organizzata. Durante le perquisizioni sono stati individuati costosi e sofisticati macchinari dietro una parete scorrevole. Al termine dell'operazione, sono stati sequestrati otto siti di produzione e stoccaggio, quasi 54.000 pezzi - tra suole, plantari e tomaie - e circa 3.000 paia di scarpe contraffatte, oltre a 65 macchinari ed attrezzature e circa 600 stampi e forme di scarpe in resina. Tredici le persone denunciate per associazione a delinquere finalizzata alla contraffazione e ricettazione. L'illecita attivita', grazie anche ai ridotti costi di produzione a causa dell'impiego di manodopera ''in nero'', garantiva alla banda guadagni ''da capogiro''.


Note: redazione.

Pubblicato il 10-07-2012, letto 272 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• Cetara (SA), dissequestro parziale del parcheggio in località Cannillo26-05-2016
• Marina di Camerota (SA) – Riaperto il sito Preistorico della Grotta della Cala.26-05-2016
• Fonderie Pisano, Eboli smentisce l'eventuale delocalizzazione dell'azienda26-05-2016
• Salerno – Arrivati oltre mille migranti 26-05-2016
• Nocera Superiore (SA) – Sequestrato un impianto di produzione di imballaggi26-05-2016
• Sassano (SA) – Domenica 29 maggio si conclude la rassegna la Valle delle Orchidee.26-05-2016
• Sanità – Il comune di Castellabate (SA) contrario alla chiusura della guardia medica26-05-2016
• Cava de’ Tirreni (SA) – La palestra di Pregiato alla memoria di Mauro e Gino Avella26-05-2016
• Satriano di Lucania (PZ) – Sabato 28 maggio il secondo appuntamento con “Frammenti Autoriali”26-05-2016
• Tramonti (SA) – Tutto pronto per il secondo Memorial Franco Amato e Gianluca Signorini, in programma il 28 e il 29 maggio26-05-2016

Notizie