News Economiche


home page > News

News


Ambiente - Ecomafia: 33 mila reati ambientali nel 2011. Giro affari da 16,6 mld.


Sono 33.817 i reati ambientali scoperti nel 2011, quasi 93 al giorno, il 9,7% in piu' rispetto al 2010. Aumentano i reati contro il patrimonio faunistico, gli incendi boschivi, i furti delle opere d'arte e dei beni archeologici.

Triplicano gli illeciti nel settore agroalimentare. Un dato allarmante che testimonia l'enorme pervasivita' dei traffici gestiti da ecomafiosi e ecocriminali che nel 2011 hanno accumulato ben 16,6 miliardi di euro. Questi i numeri dell'attacco al Belpaese e al suo patrimonio ambientale, paesaggistico, culturale e artistico da parte di ecocriminali e ecomafiosi che saccheggiano e distruggono il territorio mettendo in pericolo la salute dei cittadini e il futuro del Paese, raccolti e descritti dal rapporto Ecomafia 2012 presentato oggi a Roma, l'indagine annuale di Legambiente sull'illegalita' ambientale, che anche quest'anno fotografa una situazione ''grave e impressionante, con un business illecito dalle cifre scioccanti, contrastato con impegno e perizia dalle forze dell'ordine che, solo nel 2011, hanno effettuato 8.765 sequestri, 305 arresti (100 in piu', rispetto all'anno precedente con un incremento del 48,8%), con 27.969 persone denunciate (7,8% in piu' rispetto al 2010)''. I clan continuano a prosperare: 296 quelli censiti sino ad oggi, sei in piu' rispetto allo scorso anno. A cambiare invece, sembra essere l'immagine del mafioso di professione, che si e' evoluto nel corso delle generazioni e ora si contraddistingue per buona educazione e cultura, conoscenza delle lingue straniere, aspetto distinto. Tutte caratteristiche utili a condurre truffe e falsificazioni di documenti anche nei circuiti legali. ''Il confine tra legalita' e illegalita' e' sempre piu' labile - ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza -. Vizi privati e relazioni pubbliche tendono a fondersi in un'unica zona grigia dove lecito e illecito si mischiano e si sostengono a vicenda, spesso con la mediazione di figure interne alla pubblica amministrazione, grazie al collante della corruzione sempre piu' diffusa''.


Note: redazione.

Pubblicato il 05-07-2012, letto 161 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• L'ASL di Salerno smentisce presunta chiusura del punto nascita dell’ Ospedale “Luigi Curto di Polla”28-03-2015
• San Rufo (Sa) - Ieri, la giornata formativa ed informativa al comune per il progetto Garanzia Giovani.28-03-2015
• Salerno - Ristrutturazioni, restauri e efficientamento saranno i temi del convegno organizzato dall’Ordine degli architetti.28-03-2015
• Fisciano (Sa) – Mercoledì 1 aprile il Concerto di Pasqua del "Musicateneo Jazz Group".28-03-2015
• Cronaca - Arrestata a Sapri (SA) ragazza 22enne, corriere della droga.28-03-2015
• Turismo – Confcommercio: aumentano i turisti stranieri ma spendono poco.28-03-2015
• Unisa - Mercoledì il seminario “Da Campania Felix a Terra dei Fuochi. Il business delle ecomafie”.28-03-2015
• Mercato immobiliare, Ance Salerno: manca ancora il credito alle imprese.28-03-2015
• Sanità - Il coordinamento PD del Vallo di Diano preoccupato per il rischio di chiusura del punto nascite dell'ospedale Luigi Curto di Polla (Sa). 28-03-2015
• Regione Campania - Insediato il Comitato tecnico regionale per lo Sport.28-03-2015

Notizie