News Economiche


home page > News

News


Sanza (SA) - Ambiente e legalità. Istituzioni e forze dell'ordine a confronto.


Sanza – Ambiente e legalità, questo il tema della manifestazione che si è tenuta questa mattina presso il Centro CEA, nello splendido scenario del restaurato convento di Salemme.

A confronto con i giovani del locale Forum e degli studenti dell’Istituto Comprensivo il capitano della Compagnia Carabinieri di Sapri, Emanuele Tamorri, ed il vicequestore, comandante della Corpo Forestale dello Stato di Vallo della Lucania, Fernando Sileo. Ha moderato i lavori il giornalista Aldo Bianchini. Al breve saluto del Sindaco, Francesco De Mieri, sono seguiti gli interventi dei relatori che hanno poi sostenuto un dibattito con i presenti rispondendo alle domande poste dai giovani su un tema di strettissima attualità, qual è quello del rispetto delle regole. L’azione quotidiana svolta dalle stazioni Carabinieri presenti, oltre 5.500 su tutto il territorio nazionale, rappresenta il punto di partenza di un lavoro meticoloso che porta a garantire e percepire il senso stesso della sicurezza e della legalità sul territorio. E’ questa la sintesi dell’interessante intervento del giovanissimo Capitano Tamorri che non ha esitato a chiedere ed invitare i cittadini presenti ad una maggiore collaborazione con i militari dell’Arma. “Dialogare e parlare con i Carabinieri non è delazione – ha affermato Tamorri – collaborare con le forze dell’ordine è il primo passo importante per garantire sicurezza e legalità nei nostri Comuni. Non bastano buone regole, servono anche buoni uomini per far si che le regole vengano rispettate da tutti e la convivenza civile sia l’emblema della tranquillità e della crescita nel rispetto degli individui” ha concluso Tamorri. Collaborazione ai cittadini è stata chiesta anche dal comandante della Forestale Sileo che ha evidenziato aspetti salienti dei reati di tipo ambientale maggiormente perpetrati sul territorio. Abusivismo edilizio, innanzitutto, ma anche non rispetto di norme basilari legate al rispetto del territorio ed allo sfruttamento delle risorse. Questi i principali reati che interessano un’area vasta, ricompresa nel perimetro del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Presenti all’incontro, oltre agli amministratori locali, il dirigente scolastico Francesco Vitale che, in un breve saluto, ha colto l’occasione per invitare le stesse famiglie ad una maggiore vigilanza sul comportamento dei propri figli e, naturalmente ad una maggiore collaborazione con l’agenzia formativa della scuola.


Note: di Lorenzo Peluso.

Pubblicato il 12-06-2012, letto 596 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• Cronaca - Incidente frontale tra auto e tir, tre morti in Calabria27-08-2016
• Esteri - Libano: il contingente italiano promuove il dialogo interconfessionale 27-08-2016
• L'orgoglio italiano. Alle Olimpiadi Rio 2016, Esercito protagonista con 8 medaglie27-08-2016
• Sprechi, nelle case luci accese inutilmente mezz'ora al giorno27-08-2016
• Turismo - 1 italiano su 2 non conosce le meraviglie dell’italia27-08-2016
• Estate - Il 45% degli italiani al rientro con cibo come souvenir27-08-2016
• Scuola - MIUR: 80 milioni per sport, integrazione disabili e legalita’27-08-2016
• Giustizia - Da settembre 359 nuove unita’ di personale negli uffici27-08-2016
• Terremoto - Per gli ingegneri la messa in sicurezza delle case costa 93 miliardi 26-08-2016
• Sisma: in Italia ospedali vecchi, oltre 500 a rischio26-08-2016

Notizie