News Economiche


home page > News

News


Pollica (Sa) - L’11 giugno, convegno dal titolo: “Turismo e Territorio per uno sviluppo locale del Cilento e Vallo di Diano”.


In relazione al Progetto nazionale PRIN "lTA TOUR: Visioni territoriali e mobilità, progetti integrati per il turismo nella città e nell'ambiente", ed in particolare al lavoro che svolge l'Unità di Napoli su "Criteri per la costruzione di un modello turistico integrato: una sperimentazione sull'area del Cilento", si terrà il convegno promosso dal Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio dell'Università degli Studi di Napoli Federico II con il patrocinio dell’Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.


L'idea sulla quale si muove il Progetto di Ricerca è incentrata sulla considerazione che la valorizzazione di un territorio a fini turistici debba procedere di pari passo con lo sviluppo del complesso delle attività presenti sul territorio, ovvero l'idea forza è che il patrimonio di risorse e di competenze del territorio del Cilento rappresenta un potenziale vantaggio competitivo in campo turistico. L'11 giugno a partire dalle ore 15,00 nel Palazzo Capano di Pollica è previsto un incontro-dibattito aperto al territorio sulla proposta di una “Rete per il Cilento” e un dibattito aperto principalmente agli operatori del settore, alle associazioni di categoria, ai rappresentanti di consorzi e confederazioni locali, nonché agli Enti locali al fine di cogliere i possibili “contributi” alla Rete di sviluppo ipotizzata. In sintesi, ogni intervento dei partecipanti dovrebbe mirare ad illustrare, da una parte, quanto e come l'associazione di appartenenza sta contribuendo a generare sviluppo nel territorio e, dall'altra, come tali iniziative si possano collocare nella Rete di sviluppo ipotizzata, ovvero: il ruolo che ogni iniziativa può avere in una vision di sviluppo integrato del Cilento; come (in quale modo, con quali presupposti, con quali risorse, con quali soggetti, ...) essa può essere collegata ad altre iniziative in essere o ipotizzate. Ogni interlocutore può inoltre evidenziare i problemi più incombenti che gli si possono paventare, o che già rileva, in un siffatto approccio collaborativo. Lo scopo di un dibattito così organizzato è quello di creare un brainstorming delle possibili iniziative, una tavola aperta al dialogo ed all'ascolto, una possibilità concreta di cominciare a creare una Rete di sviluppo condivisa, secondo cui ogni tassello ha un ruolo paritetico e prioritario.


 


Note: com. - redazione.

Pubblicato il 09-06-2012, letto 221 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• Ambiente - Nel parco del Pollino censite 138 specie di alberi monumentali.27-03-2015
• Agricoltura - Quole latte: prezzi invariati, ci sarà vigilanza ma non ci saranno nuove misure. 27-03-2015
• Regione Campania - Approvate le linee di indirizzo per le bonifiche ambientali nella Terra dei fuochi.27-03-2015
• Sanità - Basilicata prima in Italia nel superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari.27-03-2015
• Alimentazione - Gli eurodeputati bocciano il sistema inglese dei 'semafori' sugli alimenti. 27-03-2015
• Made in Italy - Unesco: la pizza napoletana candidata a patrimonio dell'umanità.27-03-2015
• Ambiente - Dalla Commissione europea il richiamo: l’italia migliori il trattamento acque reflue27-03-2015
• Fisco - Tax parade: quante sono le tasse che gravano sugli italiani? Il punto di vista di Enzo Carrella.27-03-2015
• Turismo - Anche il comune di Padula (Sa) aderisce al Polo Turistico Locale.27-03-2015
• Festival del Ciclismo Torre del Greco, l’omaggio al campione Vincenzo Nibali27-03-2015

Notizie