News Economiche


home page > News

News


Pollica (Sa) - L’11 giugno, convegno dal titolo: “Turismo e Territorio per uno sviluppo locale del Cilento e Vallo di Diano”.


In relazione al Progetto nazionale PRIN "lTA TOUR: Visioni territoriali e mobilità, progetti integrati per il turismo nella città e nell'ambiente", ed in particolare al lavoro che svolge l'Unità di Napoli su "Criteri per la costruzione di un modello turistico integrato: una sperimentazione sull'area del Cilento", si terrà il convegno promosso dal Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio dell'Università degli Studi di Napoli Federico II con il patrocinio dell’Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.


L'idea sulla quale si muove il Progetto di Ricerca è incentrata sulla considerazione che la valorizzazione di un territorio a fini turistici debba procedere di pari passo con lo sviluppo del complesso delle attività presenti sul territorio, ovvero l'idea forza è che il patrimonio di risorse e di competenze del territorio del Cilento rappresenta un potenziale vantaggio competitivo in campo turistico. L'11 giugno a partire dalle ore 15,00 nel Palazzo Capano di Pollica è previsto un incontro-dibattito aperto al territorio sulla proposta di una “Rete per il Cilento” e un dibattito aperto principalmente agli operatori del settore, alle associazioni di categoria, ai rappresentanti di consorzi e confederazioni locali, nonché agli Enti locali al fine di cogliere i possibili “contributi” alla Rete di sviluppo ipotizzata. In sintesi, ogni intervento dei partecipanti dovrebbe mirare ad illustrare, da una parte, quanto e come l'associazione di appartenenza sta contribuendo a generare sviluppo nel territorio e, dall'altra, come tali iniziative si possano collocare nella Rete di sviluppo ipotizzata, ovvero: il ruolo che ogni iniziativa può avere in una vision di sviluppo integrato del Cilento; come (in quale modo, con quali presupposti, con quali risorse, con quali soggetti, ...) essa può essere collegata ad altre iniziative in essere o ipotizzate. Ogni interlocutore può inoltre evidenziare i problemi più incombenti che gli si possono paventare, o che già rileva, in un siffatto approccio collaborativo. Lo scopo di un dibattito così organizzato è quello di creare un brainstorming delle possibili iniziative, una tavola aperta al dialogo ed all'ascolto, una possibilità concreta di cominciare a creare una Rete di sviluppo condivisa, secondo cui ogni tassello ha un ruolo paritetico e prioritario.


 


Note: com. - redazione.

Pubblicato il 09-06-2012, letto 247 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• Cronaca – Cavano denti a vittime, tre arresti09-02-2016
• Sci: ottimo inizio della stagione sulle Dolomiti, si registra +6%09-02-2016
• Musica – Adele è la cantante più popolare nel 201509-02-2016
• Acerno (SA) – Il comune aderisce al progetto Erasmus Plus 09-02-2016
• Salerno – Giovedì 11 febbraio la presentazione del volume “Gbemontin, la vita ritrovata” di Enrico di Salvo e Fabio Burrelli09-02-2016
• “DOR, Divertimento di Origine Rurale”: giovedì 11 febbraio penultima tappa a Tito, ospite il giornalista Angelomauro Calza09-02-2016
• Quarto (Na), il sindaco potrebbe ritirare le dimissioni09-02-2016
• Baronissi (SA) – Dal 12 al 21 febbraio l’evento “Matera: un viaggio nella società lucana tra architettura, fotografia e cinema”09-02-2016
• Salute – Nutrirsi di pesce grasso aiuta a dimagrire, ecco il motivo09-02-2016
• Carburanti – Nuovo giro di ribassi: Eni taglia di 2 cent09-02-2016

Notizie