News Economiche


home page > News

News


Ambiente - Italia vicina agli obiettivi del Protocollo di Kyoto.


Negli ultimi 20 anni il patrimonio forestale italiano è aumentato di circa 1,7 milioni di ettari, raggiungendo una superficie di oltre 10 milioni e 400 mila ettari, per 12 miliardi di alberi a ricoprire il suolo nazionale. Lo annuncia il Corpo Forestale dello Stato, aggiungendo dati importanti sul carbonio contenuto sui suoli forestali.

Il suolo forestale, infatti, svolge un ruolo fondamentale di “stoccaggio” del carbonio organico, addirittura superiore a quello della parte epigea del bosco: la quantità di carbonio trattenuta nei tessuti, nei residui vegetali e nei suoli delle foreste, infatti, è pari a circa 1,2 miliardi di tonnellate di carbonio, corrispondenti a 4 miliardi di tonnellate di Co2. Il 58% di tutto il carbonio forestale è contenuto nel suolo, pari a oltre 700 milioni di tonnellate; quello accumulato nella vegetazione arborea e arbustiva è il 38%, e il restante 4% è presente nella lettiera,n ei residui vegetali e nel legno morto. Dati che confermano l'importanza dei suoli forestali, non solo per la loro funzione di difesa idrogeologica, di conservazione e tutela della biodiversità e di base per la produzione di legname, ma anche per la mitigazione dei cambiamenti climatici in atto. Presentati in un convegno a Roma alla presenza dei ministri Catania (Politiche agricole) e Clini (Ambiente), i dati sono il risultato dell'Inventario Nazionale delle foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio (Infc) del Corpo forestale dello Stato, realizzato con la consulenza scientifica del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura - Unità di Ricerca per il Monitoraggio e la Pianificazione Forestale CRA-MPF di Trento. In prossimità della scadenza del Protocollo di Kyoto, che nel 1992 ha fissato un impegno pari al 6,5% della riduzione dei gas serra, l'Italia registra un dato vicino all'obiettivo, con il 5,4%. Il raggiungimento del traguardo pone le foreste come strumento centrale: con il loro potere di assorbimento e contenimento della Co2, le foreste italiane hanno raggiunto un quantitativo di carbonio vicino a quello fissato, che permetterà di evitare le possibili sanzioni dovute al mancato raggiungimento.


Note: V.R.-redazione.

Pubblicato il 27-04-2012, letto 483 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• L'ASL di Salerno smentisce presunta chiusura del punto nascita dell’ Ospedale “Luigi Curto di Polla”28-03-2015
• San Rufo (Sa) - Ieri, la giornata formativa ed informativa al comune per il progetto Garanzia Giovani.28-03-2015
• Salerno - Ristrutturazioni, restauri e efficientamento saranno i temi del convegno organizzato dall’Ordine degli architetti.28-03-2015
• Fisciano (Sa) – Mercoledì 1 aprile il Concerto di Pasqua del "Musicateneo Jazz Group".28-03-2015
• Cronaca - Arrestata a Sapri (SA) ragazza 22enne, corriere della droga.28-03-2015
• Turismo – Confcommercio: aumentano i turisti stranieri ma spendono poco.28-03-2015
• Unisa - Mercoledì il seminario “Da Campania Felix a Terra dei Fuochi. Il business delle ecomafie”.28-03-2015
• Mercato immobiliare, Ance Salerno: manca ancora il credito alle imprese.28-03-2015
• Sanità - Il coordinamento PD del Vallo di Diano preoccupato per il rischio di chiusura del punto nascite dell'ospedale Luigi Curto di Polla (Sa). 28-03-2015
• Regione Campania - Insediato il Comitato tecnico regionale per lo Sport.28-03-2015

Notizie