News Economiche


home page > News

News


Ambiente - Italia vicina agli obiettivi del Protocollo di Kyoto.


Negli ultimi 20 anni il patrimonio forestale italiano è aumentato di circa 1,7 milioni di ettari, raggiungendo una superficie di oltre 10 milioni e 400 mila ettari, per 12 miliardi di alberi a ricoprire il suolo nazionale. Lo annuncia il Corpo Forestale dello Stato, aggiungendo dati importanti sul carbonio contenuto sui suoli forestali.

Il suolo forestale, infatti, svolge un ruolo fondamentale di “stoccaggio” del carbonio organico, addirittura superiore a quello della parte epigea del bosco: la quantità di carbonio trattenuta nei tessuti, nei residui vegetali e nei suoli delle foreste, infatti, è pari a circa 1,2 miliardi di tonnellate di carbonio, corrispondenti a 4 miliardi di tonnellate di Co2. Il 58% di tutto il carbonio forestale è contenuto nel suolo, pari a oltre 700 milioni di tonnellate; quello accumulato nella vegetazione arborea e arbustiva è il 38%, e il restante 4% è presente nella lettiera,n ei residui vegetali e nel legno morto. Dati che confermano l'importanza dei suoli forestali, non solo per la loro funzione di difesa idrogeologica, di conservazione e tutela della biodiversità e di base per la produzione di legname, ma anche per la mitigazione dei cambiamenti climatici in atto. Presentati in un convegno a Roma alla presenza dei ministri Catania (Politiche agricole) e Clini (Ambiente), i dati sono il risultato dell'Inventario Nazionale delle foreste e dei serbatoi forestali di Carbonio (Infc) del Corpo forestale dello Stato, realizzato con la consulenza scientifica del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura - Unità di Ricerca per il Monitoraggio e la Pianificazione Forestale CRA-MPF di Trento. In prossimità della scadenza del Protocollo di Kyoto, che nel 1992 ha fissato un impegno pari al 6,5% della riduzione dei gas serra, l'Italia registra un dato vicino all'obiettivo, con il 5,4%. Il raggiungimento del traguardo pone le foreste come strumento centrale: con il loro potere di assorbimento e contenimento della Co2, le foreste italiane hanno raggiunto un quantitativo di carbonio vicino a quello fissato, che permetterà di evitare le possibili sanzioni dovute al mancato raggiungimento.


Note: V.R.-redazione.

Pubblicato il 27-04-2012, letto 458 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione News ]


Altri contenuti della sezione News

TitoloData
• Si è tenuto a Nocera Superiore (Sa) l'incontro tra Polis SA Nocera Superiore Area Cultura e l'assessore all'Estetica e Bellezza della città.22-12-2014
• Politica - Esuberi dipendenti Province, Anna Petrone: “Uomini e donne, 1700 persone non sono merce da smaltire”.22-12-2014
• Faiella (Cisl Fp): La Certosa di Padula (Sa) passa la Polo Museale di Napoli.22-12-2014
• Rinnovo delle nomine di Cittadinanza Attiva di Vallo della Lucania.22-12-2014
• Gal Vallo Di Diano: conferenza stampa sullo stato di attuazione del Psr 2007/2013.22-12-2014
• Acerno (Sa) – Convocato il consiglio comunale per domani.22-12-2014
• Presentati primi risultati progetto "Aria SaNa" della Regione Campania e Cnr.22-12-2014
• Cava de’ Tirreni (Sa) - “Cavesi nel Mondo”, premiato il Prof. Matteo Santin.22-12-2014
• Crisi - 7 famiglie su 10, in Italia, fanno la spesa nei discount 22-12-2014
• Salerno – Oggi, la cerimonia di consegna dei 40 attestati di partecipazione al corso per il rilievo del danno sismico.22-12-2014

Notizie