News Economiche


home page > Parere legale

Parere legale


Verifica fiscale: le garanzie dell’art. 12 dello Statuto del contribuente non sono estendibili ai terzi.


L’art. 12, comma 7, della L. 212/2000 (c.d. Statuto dei diritti del contribuente) stabilisce: “Nel rispetto del principio di cooperazione tra amministrazione e contribuente, dopo il rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente può comunicare entro 60 giorni osservazioni e richieste che sono valutate dagli uffici impositori. L’avviso di accertamento non può essere emanato prima della scadenza del predetto termine, salvo casi di particolare e motivata urgenza”.

Nel caso di una verifica fiscale condotta presso un contribuente e dalla quale emergono circostanze rilevanti nei confronti di un terzo, è possibile che tale norma di tutela debba operare anche nei confronti del terzo accertato?  La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione, nella sentenza n. 26493 del dicembre 2014, ha affermato che il presupposto di applicabilità della norma di cui all’art. 12, comma 7, della L. n. 212/2000 sta nel fatto che gli accessi, ispezioni e verifiche fiscali, contemplati da questa disposizione, siano effettuati nei locali di pertinenza del contribuente, nei cui confronti l’avviso di accertamento non può dunque essere emanato prima della scadenza del termine di 60 giorni dal rilascio di copia del processo verbale di chiusura di queste operazioni. La non estensione al terzo delle garanzie previste dalla norma in esame discenderebbe, non solo dal fatto che il contribuente subisca un accesso presso i locali di propria pertinenza, ma anche dalla non coincidenza del processo verbale relativo alla verifica - avente ad oggetto i dati acquisiti a seguito dell’accesso - con il processo verbale nel quale vengono formulati i rilievi o gli addebiti. L’eventuale coincidenza rappresenta una circostanza fattuale, che non fa venir meno la distinzione logico-giuridica.


Note: di Vincenzo Delli Priscoli, dottore in Legge.

Pubblicato il 20-01-2015, letto 72 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Parere legale ]


Altri contenuti della sezione Parere legale

TitoloData
• Non è automatico il rimborso del contributo unificato versato.13-01-2015
• Ricorso per Cassazione inammissibile se il ricorrente non contesta tutti i motivi della decisione della sentenza di appello.07-01-2015
• L’esterovestizione va supportata con validi elementi di prova.29-12-2014
• Fisco, Mef: ricorsi in calo del 17,48% nel terzo trimestre.26-12-2014
• Doppie spese per l’amministrazione finanziaria temeraria.22-12-2014
• La confessione da sola non è sufficiente nel processo tributario.17-12-2014
• Condizione sospensiva del contratto tra effetti civilistici e fiscali.08-12-2014
• Accertamenti motivati per le società “apparentemente” non operative.01-12-2014
• Non è autonomamente impugnabile la comunicazione di presa in carico delle somme da riscuotere.24-11-2014
• Sentenze - La Cassazione riconosce i danni ad un 'casalingo' infortunato19-11-2014

Notizie