News Economiche


home page > Parere legale

Parere legale


Non è autonomamente impugnabile la comunicazione di presa in carico delle somme da riscuotere.


Interessante pronuncia della Commissione Tributaria Provinciale di Asti che ha stabilito che il contribuente non può impugnare la comunicazione con la quale l’Agente della Riscossione lo informa della presa in carico delle somme iscritte dall’Agenzia delle Entrate in seguito ad accertamento esecutivo divenuto definitivo per mancata impugnazione.


Con la sentenza 2/2/2014 la commissione tributaria piemontese di primo grado ha rigettato il ricorso del contribuente affermando che questa comunicazione non assume la natura di vero e proprio atto provvedimentale o di atto di precetto, in quanto in capo al contribuente sorge l’interesse ad agire solo nel momento in cui riceve il titolo esecutivo che è rappresentato dall’avviso di accertamento. L’informativa della presa in carico è una mera comunicazione che viene fatta al contribuente, con cui quest’ultimo viene avvisato che a breve avranno inizio gli atti esecutivi. La mancata ricezione da parte del contribuente di questa informativa non comporta alcuna sanzione di nullità, però l’accertamento esecutivo deve essere corredato dell’intimazione ad adempire - entro il termine di presentazione del ricorso - al pagamento delle somme indicate nell’avviso stesso, nonché l’avvertenza che, in difetto, si procederà all’affidamento in carico agli Agenti della Riscossione anche ai fini dell’esecuzione forzata. La norma dalla quale prende le mosse questa pronuncia giurisprudenziale è l’art. 29 del D.L. n. 78/2010 che ha potenziato le attività di riscossione relative agli atti notificati a partire dal 1° luglio 2011, fornendo nello stesso tempo maggiori tutele al contribuente a garanzia del diritto di difesa sancito dall’art. 24 della Costituzione.


 


Note: di Vincenzo delli Priscoli

Pubblicato il 24-11-2014, letto 69 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Parere legale ]


Altri contenuti della sezione Parere legale

TitoloData
• Sentenze - La Cassazione riconosce i danni ad un 'casalingo' infortunato19-11-2014
• Periculum in mora da dimostrare per l’adozione del sequestro conservativo ex art. 671 c.p.c.17-11-2014
• Corte di Cassazione: studi di settore con motivazione.12-11-2014
• Cassazione: modificazione in diminuzione di avviso di accertamento non richiede forma particolare.04-11-2014
• Il raddoppio dei termini per l’accertamento a una società non si estende automaticamente ai soci.27-10-2014
• La contabilità in nero legittima l’accertamento induttivo.23-10-2014
• Obbligo di contraddittorio endoprocedimentale per l’iscrizione ipotecaria.14-10-2014
• Sentenze - Le urgenze non giustificano l'uso del cellulare alla guida. Lo ha stabilito la Cassazione.09-10-2014
• Sentenze - "Non si può licenziare l'impiegato per le sue abitudini sessuali". Lo stabilisce la Cassazione: 08-10-2014
• Corte di Cassazione: accertamento analitico-induttivo a 360°.06-10-2014

Notizie