News Economiche


home page > Parere legale

Parere legale


Sentenze - Quando il bancomat 'mangia' la carta: ecco chi paga i danni


E' l'incubo di ogni correntista: ritirare i soldi allo sportello bancario con il bancomat e vedere la propria carta 'risucchiata' dall'apparecchio. Ma che succede se ci si accorge di essere stati vittime di una truffa e non di un malfunzionamento dell'apparecchio? Nel caso di utilizzazione illecita da parte di terzi del bancomat trattenuto dallo sportello automatico, e ai fini della valutazione contrattuale della banca, questa non può sottrarsi all'adozione di misure idonee a garantire la sicurezza del servizio da eventuali manomissioni, anche se il correntista non le segnala tempestivamente.

E' quanto stabilito dalla sentenza n. 806/2016 della Corte di Cassazione che, come ricorda 'Studio Cataldi', ha riguardato un correntista che dopo aver provato a prelevare dallo sportello, si era accorto che l'apparecchio aveva trattenuto la carta, mostrando la scritta 'sportello fuori servizio'. Dopo aver contattato subito il vicedirettore della banca, che lo aveva rassicurato a tornare il giorno seguente, il correntista si era accorto che ignoti avevano prelevato oltre 7mila dal proprio conto corrente e che la banca non riusciva più a trovare la carta di debito. Il correntista aveva così citato in giudizio la banca, ma la sua domanda era stata rigettata con l'asserzione che non essendo stata eseguita regolare comunicazione entro 48 ore, come prescritto dalle condizioni generali di contratto, il prelievo indebito era da ascriversi alla responsabilità del correntista stesso. Grazie alle telecamere si era poi arrivati alla conclusione che il titolare del bancomat era stato truffato da uno sconosciuto, che dopo aver manomesso l'apparecchio si era avvicinato al correntista con la scusa di aiutarlo e aveva memorizzo il codice pin. Per i giudici d'appello, il correntista non era stato prudente perché, oltre ad aver digitato il codice davanti a un estraneo, non aveva bloccato la carta servendosi del numero verde. La decisione è stata però ribaltata dai giudici della Cassazione, secondo i quali non erano state eseguite indagini sul comportamento contrattuale della banca secondo il parametro della diligenza professionale ai sensi dell'art. 1176, secondo comma, codice Civile. Richiamando i precedenti in materia, la Corte si è così espressa: "Ai fini della valutazione della responsabilità contrattuale della banca per il caso di utilizzazione illecita da parte di terzi di carta bancomat trattenuta dallo sportello automatico, non può essere omessa, a fronte di un'esplicita richiesta della parte, la verifica dell'adozione da parte dell'istituto bancario delle misure idonee a garantire la sicurezza del servizio da eventuali manomissioni, nonostante l'intempestività della denuncia dell'avvenuta sottrazione da parte del cliente e le contrarie previsioni regolamentari". "La diligenza posta a carico del professionista - si legge ancora nella sentenza - ha natura tecnica e deve essere valutata tenendo conto dei rischi tipici della sfera professionale di riferimento ed assumendo quindi come parametro la figura dell'accorto banchiere". Nel caso in esame, la corte territoriale non aveva indagato su alcuni fronti, dall'omessa verifica continuativa della manutenzione dello sportello mediante le telecamere all'indicazione generica del vice direttore di tornare il giorno dopo, e quindi il ricorso è stato accolto.


Note: redazione

Pubblicato il 24-05-2016, letto 50 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Parere legale ]


Altri contenuti della sezione Parere legale

TitoloData
• Strisce blu, come capire se la multa è illegittima19-05-2016
• Sentenze - Fisco, niente rate per chi paga con lieve ritardo11-05-2016
• Sentenze - Rubare un bacio sulla guancia non è violenza sessuale06-05-2016
• Multa sulle strisce blu, ecco come fare opposizione29-04-2016
• Giustizia - Al Tribunale UE, in arrivo 19 nuovi giudici12-04-2016
• Sentenze - Per la Consulta coltivare Cannabis per uso personale resta reato10-03-2016
• Sentenze - Patente non rinnovata? Il rischio è quello di perderla04-03-2016
• Sentenze - Indennità di disabilità: per il Consiglio di Stato non è reddito01-03-2016
• Cassazione - Paletti alle competenze degli 'aiuti vigili'Auto. Multe ausiliari limitate ad aree sosta strisce blu 23-02-2016
• Sentenze - La Cassazione si pronuncia su "Limiti all’accertamento sintetico".03-02-2016

Notizie