News Economiche


home page > Parere legale

Parere legale


Obbligo di contraddittorio endoprocedimentale per l’iscrizione ipotecaria.


Anche nel regime antecedente l’entrata in vigore del comma 2-bis dell’articolo 77 del D.p.r. numero 602/1973, introdotto con il Decreto Legge numero 70 del 2011, l’Amministrazione finanziaria, prima di iscrivere ipoteca ai sensi del medesimo articolo, deve comunicare al contribuente che procederà alla predetta iscrizione sui beni immobili, concedendo a quest’ultimo un termine (che può essere fissato in 30 giorni, coerentemente con altre analoghe previsioni normative) affinché possa esercitare il proprio diritto di difesa, presentando opportune osservazioni o provvedendo al pagamento di quanto dovuto.


L’iscrizione di ipoteca non preceduta dalla comunicazione al contribuente è nulla, in ragione della violazione dell’obbligo che incombe sull’Amministrazione finanziaria di attivare il contraddittorio endoprocedimentale, mediante la preventiva comunicazione al contribuente della possibilità di adottare un atto o un provvedimento che abbia la capacità di incidere negativamente nella sfera giuridico-patrimoniale del contribuente medesimo. Tuttavia, avendo l’ipoteca natura reale, l’iscrizione eseguita in violazione del predetto obbligo conserva la propria efficacia fino a quando il giudice non ne abbia ordinato la cancellazione accertandone l’illegittimità. Questo è quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con la sentenza numero 19667 dello scorso mese di settembre. Anche se in questo caso il contraddittorio non è previsto da una norma in modo specifico, esso deve ritenersi immanente all’ordinamento stesso, avendo più volte la Corte di Giustizia europea sottolineato l’obbligatorietà del contraddittorio in tutti quei casi in cui l’Amministrazione intende adottare un provvedimento capace di limitare la sfera giuridica del destinatario (fondamentale è la sentenza Sopropè). E l’iscrizione ipotecaria costituisce senza dubbio un atto che limita fortemente tale sfera giuridica.


 


Note: di Vincenzo Delli Priscoli.

Pubblicato il 14-10-2014, letto 105 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Parere legale ]


Altri contenuti della sezione Parere legale

TitoloData
• Sentenze - Le urgenze non giustificano l'uso del cellulare alla guida. Lo ha stabilito la Cassazione.09-10-2014
• Sentenze - "Non si può licenziare l'impiegato per le sue abitudini sessuali". Lo stabilisce la Cassazione: 08-10-2014
• Corte di Cassazione: accertamento analitico-induttivo a 360°.06-10-2014
• Per le notifiche degli atti tributari all’estero si applica l’articolo 142 del codice di procedura civile.30-09-2014
• Sentenze - La Cassazione salva il 'copia-incolla'.29-09-2014
• L’estratto di ruolo non è un atto autonomamente impugnabile dinanzi al giudice tributario.23-09-2014
• Diritto privato - L'Italia prima per la tutela degli eredi, ma solo 8% scrive le proprie volontà testamentarie.20-09-2014
• Indagini bancarie: il prelievo sui conti promiscui è personale.18-09-2014
• Intimazione ad adempiere necessaria per i provvedimenti cautelari di Equitalia.08-09-2014
• Solo il giudice competente deve accertare la tempestività del ricorso.04-09-2014

Notizie