News Economiche


home page > Opportunità e Impresa

Opportunità e Impresa


Lavoro - A giugno aperte 38mila nuove partite iva


Nel mese di giugno 2016 sono state aperte 37.982 nuove partite Iva e, in confronto al corrispondente mese dell’anno precedente, si registra una flessione (-8,2%). E’ quando rende il ministero dell’Economia. La distribuzione per natura giuridica mostra che il 70,2% delle nuove partite IVA è stato aperto dalle persone fisiche; il 24,0% dalle società di capitali e il 4,9 dalle società di persone.

La percentuale dei “non residenti” e “altre forme giuridiche” è pari allo 0,9%. Rispetto al mese di giugno 2015 si osserva un calo di aperture per le persone fisiche (-11,4%) e le società di persone (-5,76) mentre si registra un incremento per le società di capitali (+2,3%). Riguardo alla ripartizione territoriale, il 42,1% delle nuove aperture è localizzato al Nord, il 22,7% al Centro ed il 35,1% al Sud ed Isole. Rispetto al corrispondente mese dell’anno precedente alcune regioni registrano incrementi assai consistenti. E’ il caso della Basilicata (+49,6%) e del Molise (+10,3%). Significative flessioni si registrano in Calabria (-17,6%), Puglia (-26,8%) e Sicilia (-18,5%). In base alla classificazione per settore produttivo il commercio continua a registrare il maggior numero di aperture di partite Iva (22,7% del totale), seguito dalle attività professionali (13,2%) e dall’agricoltura (10,1%). Confrontando i dati con le aperture del mese di giugno 2015, si rilevano incrementi nelle attività immobiliari (+16%), nelle attività professionali (+7,2%) e nell’istruzione (+2,9%); si segnalano invece cali di avviamento nell’agricoltura (-20,7%), nel commercio (-12,3%, che nonostante il calo rimane il settore con il maggior numero di aperture in termini assoluti) e nei servizi alle imprese (-15,2%). Relativamente alle persone fisiche, la ripartizione per sesso è sostanzialmente stabile: il 37,5% delle partite Iva è stato aperto da soggetti di sesso femminile. Il 46,7% degli avviamenti è riferito ai giovani fino a 35 anni e il 34,3% a soggetti tra 36 e 50 anni. Rispetto al corrispondente mese dello scorso anno, la distribuzione per classi di età evidenzia una flessione di aperture per tutte le fasce di età, in particolare per la classe oltre i 65 anni (-27,3%). Il 18,6% di coloro che a giugno hanno aperto una partita Iva risulta nato all’estero. I soggetti che hanno aderito al regime agevolato forfetario risultano 12.748, pari a circa il 34% del totale delle nuove aperture, con un aumento del 4,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.



Note: redazione

Pubblicato il 16-08-2016, letto 68 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Opportunità e Impresa ]


Altri contenuti della sezione Opportunità e Impresa

TitoloData
• Crisi - Preoccupa il crollo dei beni di consumo16-08-2016
• Sud, il Cipe delibera 13,4 miliardi di investimenti11-08-2016
• Segno negativo nel rapporto nati-mortalità imprese in Basilicata10-08-2016
• Fisco - Caro rifiuti per bar e negozi, +30-50% dal 201010-08-2016
• 2 anni di embargo russo, persi 7,5 mld di Made in Italy09-08-2016
• Artigianato e piccole imprese, cresce l’occupazione: +2,5%08-08-2016
• In aumento le imprese legate alla movida: 933 mila in italia08-08-2016
• Acquisto prima casa: come avere lo sconto fiscale03-08-2016
• Lavoro - La Regione Campania programma 60 milioni per disoccupati di lungo corso28-07-2016
• Giovani & lavoro - EasyJet assume in Italia: al via selezioni per oltre 100 assistenti di volo27-07-2016

Notizie