News Economiche


home page > Editoriale

Editoriale


La cenere e la Fenice di una sinistra senza coraggio.


Un sacco di parole al vento; null’altro. Quasi come se non si volesse vedere che ora, più che mai, la sinistra in Italia ha bisogno di una guida, di un leader, di una nuova visione. Quasi come se non si volesse vedere che l’Italia, ora più che mai, ha bisogno di sinistra.

Senza scadere nel facile populismo del “superamento del comunismo”, il nostro Paese, più in generale l’Europa, necessità di idee e di politiche di sinistra. E’ il necessario ed inevitabile bilanciamento in un sistema democratico che dovrebbe basarsi sul confronto tra politiche conservatrici e progressiste. I danni che ha prodotto alla sinistra italiana l’arrivismo di Bertinotti sono incalcolabili; appare chiaro che ancora non è stato superarto lo scoglio dell’inadeguatezza che ha prodotto nelle coscienze post comuniste dopo l’infelice stagione ai vertici dello Stato di quel partito guidato da Bertinotti e di cui, per fortuna, rimangono solo sporadiche tracce. Ma ora quei milioni di elettori, smarriti per troppo tempo ed ingannati dall’illusione che la cosiddetta fusione a freddo tra post democristiani e post comunisti, potesse produrre un nuovo modello politico di partito progressista, hanno consapevolezza della necessità che la sinistra rinasca . La nuova smisurata delusione nel popolo di sinistra trova riscontro nel fallimento del progetto politico del Pd. Un fallimento palese. In realtà per diverso tempo si è attesa la reazione del promettente Civati; il rigurgito dello stesso Bersani. Ma è chiara la mancanza di coraggio. L’assenza dello spirito di innovatori. In sostanza, certo si critica l’azione renziana, ma poi ci si adegua non avendo il coraggio di assumere una posizione netta e distante. Lo si fa invocando la necessaria unità del partito, gli interessi degli italiani; la speranza che le cose possano cambiare. Dunque è chiaro che poi in gente come Landini si trovi il nuovo avversario da demolire. Non sappiamo, lo vedremo, se Landini davvero vorrà interpretare quel dissenso generale del paese, del popolo della sinistra, affrontando la sfida della politica a viso aperto. E’ evidente però che è bastato osare, misurarsi, per scatenare le ire del management romano del Pd. Come è evidente che le parole di Landini hanno ispirato simpatia e consenso ad esempio in uno come Sergio Cofferati che di sinistra ne dovrebbe sapere. la parola nuova della politica di sinistra quindi diventa la “coalizione sociale” dove alla base vi sia una riflessione ampia per una rinascita della sinistra. Una rinascita, quindi. La fenice e le sue ceneri, intanto rimangono ancorate al pressapochismo contagiati da ben due decenni di berlusconismo che di danni, questo è chiaro, ne ha prodotti. Con buona pace di Vendola, persino lui ha smarrito la bussola ad est, ci si prepara ad una nuova fase politica per la sinistra. Intanto, non sfugge l’insofferenza generale di coloro che sono cresciuti a pane e politica, nei confronti delle logiche romane degli attuali partiti. E’ il caso di Vincenzo De Luca a Salerno, ingabbiato dal partito in un vortice di interessi di capibastone e correnti che vorrebbero condizionare le prossime elezioni regionali in Campania. Caso analogo, quello di Tosi in Veneto per la Lega. Due esempi di come coloro che la politica, quella vera, quella di contatto con i cittadini, di amministrazione della cosa pubblica, di servizio, la vivono ogni giorno, non trovano spazio ed ascolto nelle segreterie romane dei partiti. Non è questo il caso di analizzare la bontà dell’operato di De Luca a Salerno o Tosi a Verona. Ma certo è opportuno valutare l’atteggiamento delle segreterie di partito nei confronti di loro esponenti che, a torto o a ragione, vengono considerati leader e buoni amministratori. Ecco quindi perché il male assoluto della sinistra in Italia si chiama Pd. Ecco dunque perché la sola idea di un Landini politico spaventa il Pd e galvanizza il popolo della sinistra. In tutto questo la costatazione dell’occasione persa da Pippo Civati.


Note: di Lorenzo Peluso.

Pubblicato il 25-02-2015, letto 132 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Editoriale ]


Altri contenuti della sezione Editoriale

TitoloData
• Dalla morte di Muadh al-Kasasibah, nulla sarà più come prima, e non solo nelle coscienze scosse di noi occidentali.05-02-2015
• No, non ci fate paura. Le nostre matite non si spezzano con la violenza.08-01-2015
• La rivoluzione rosa del Vallo di Diano. 02-01-2015
• Il Casini silenzioso con lo sguardo fisso al Colle.27-12-2014
• Un anno che ricorderemo il 2014. Intanto auguri.24-12-2014
• La più grande “illusione democratica” del dopoguerra. 15-12-2014
• Un concerto in "Piazza Paradiso" per Vito e Goffredo.05-11-2014
• Le chiacchiere al vento dei politici politicanti ed il tribunale che rimane a Lagonegro.04-10-2014
• L'occidente ed il Medio Oriente, tra la codardia di "John il jihadista" ed il coraggio di James Foley25-08-2014
• Giuseppe La Rosa, l'ultimo eroe di un Paese che esiste. 22-07-2014

Notizie