News Economiche


home page > Spazio Salute

Spazio Salute


Allarme influenza, raddoppiati i codici rossi negli ospedali.


Un picco di casi gravi legati all'influenza si sta registrando in moltissimi Pronto soccorso italiani, dal nord al sud del Paese. Ad affermarlo è il presidente della Società italiana di medicina di emergenza urgenza (Simeu), Alfonso Cibinel, che definisce la situazione ''preoccupante''. In alcuni ospedali i codici rossi sono aumentati fino al 100%. I casi di polmonite sono aumentati dal 3 al 10%, con pari aumento dei casi che richiedono respirazione artificiale. Tra le cause, il calo delle vaccinazioni.


Nell'ultimo mese (da Natale al 25 gennaio), sottolinea Cibinel, ''l'aumento degli accessi in Pronto soccorso (Ps) in Italia si può stimare fino al +15%, rispetto allo stesso periodo di un anno fa. La differenza più significativa - afferma - è appunto l'aumento assoluto dei casi più gravi, tanto che in alcuni ospedali i codici rossi sono aumentati fino al 100% e i codici gialli fino al 25%''. L'epidemia influenzale è il fattore scatenante dell'aumento degli accessi e dell'affollamento dei PS: nella terza settimana di gennaio (12-18), l'incidenza di nuovi casi ha superato la soglia di 8 casi per 1000 assistiti, valore superiore a quello registrato (per la stessa settimana) negli ultimi 10 anni. L'aumento dei casi gravi - rispetto allo stesso periodo dello scorso anno - è attribuibile, chiarisce Cibinel, ''all'aumento dei casi totali, in parte determinato dalla ridotta copertura vaccinale registratasi quest'anno, e in parte dipendente dalle caratteristiche proprie dei virus e anche dalla coesistenza di virus diversi; sono stati infatti registrati casi gravi sia da influenza A-H1N1, sia da altri ceppi di influenza A come H3N2 e da ceppi di influenza B''. Altro dato indicativo, rileva il presidente Simeu, è che ''alcuni casi gravi, come peraltro capita in tutte le epidemie influenzali, si sono verificati anche in soggetti giovani non affetti da patologie croniche, con necessità di supporto artificiale della funzione respiratoria''. La situazione, in vista del picco influenzale atteso tra circa due settimane, rileva Cibinel, è quindi ''preoccupante'': i Pronto soccorso sono infatti sovraffollati ovunque, tanto che, afferma, ''in alcuni i malati gravi, come quelli con polmonite, sono curati in barella, negli stessi locali del Pronto soccorso, per l'impossibilità di essere trasferiti in reparto a causa della mancanza di posti letto per ricovero''. In altre parole, denuncia il presidente Simeu, ''i Ps, soprattutto quelli delle grandi città, sono in serissima difficoltà per il sovraffollamento, perchè non riescono a indirizzare i pazienti più gravi nei reparti per il ricovero, e la causa non sono tanto gli accessi impropri quanto soprattutto la riduzione a monte del numero dei posti letto ospedalieri''. 


 


Note: com. - redazione.

Pubblicato il 30-01-2015, letto 45 volte

<< Precedente[ Archivio della sezione Spazio Salute ]


Altri contenuti della sezione Spazio Salute

TitoloData
• In Italia 1 bambino su 4 è sovrappeso, 1 su 10 obeso. Maglia nera alla Campania.29-01-2015
• Farmaci - Arriva piattaforma elettronica EMA per farmacovigilanza.28-01-2015
• Allarme prevenzione - Ogni anno 70mila casi in italia di tumori rari e le diagnosi arrivano tardi25-01-2015
• Obesita'infantile - Dati confortanti, meno bimbi italiani in sovrappeso22-01-2015
• Settimana Montagnier a Neuromed L’appuntamento operativo mensile del Premio Nobel per la Medicina20-01-2015
• Contraccezione - La pillola dei 5 giorni dopo, nelle farmacie UE senza prescrizione medica 17-01-2015
• Lo studio - Dipendenza da telefono cellulare crea vere crisi d'astinenza12-01-2015
• Fumo: il Ministro Lorenzin lancia l'allarme tra giovanissimi di 11-12 anni 10-01-2015
• Influenza - Già colpiti 800mila italiani. Picco a fine gennaio06-01-2015
• Farmaci, a causa della crisi sono diminuite le sperimentazioni cliniche in Italia.02-01-2015

Notizie